Свобода – вершина пути человека или первый шаг к мудрости?

Разумность Вселенной

Предназначение Человечества

Незавершенный метаморфоз человека

Посттравматический синдром человечества

«Свобода» как неформальный «бог» человечества.

Размышления о настоящей свободе.

Ложь о «свободе человека» и внушение веры в порочность человека

Мировоззренческие автопортеты

Самопознание, книга Джона Мейсона

Вопросы для тех, кто занимается практическим самопознанием

Диалоги для практического самопознания

Пифагорейские Золотые Стихи

Открытые вопросы, над которыми размышляют наши современники

Самопознание и будущее человечества. Диалог.

Libere riflessioni sulla vera libertà.




Qual è la strada per la libertà che Lei sceglierebbe?
L’umanità lotta per la libertà da millenni.
Qual è il significato di “lotta per la libertà”?
Libertà da che cosa?
Per il raggiungimento di quale obiettivo?
La libertà è un mezzo o un obiettivo?
Quali sono le strade da percorrere per la libertà degne di un uomo?
Che ne pensa a tal proposito?
Esiste la libertà in senso assoluto, senza la necessità di dover precisare “libertà da cosa o di fare cosa”?
L’universo è grande e infinito.
Qualunque parte circoscritta dell’universo, che sia il pianeta, un ammasso stellare o persino la galassia, dipende dalla restante parte dell’universo.
Che cosa, dove e quando può essere assolutamente libero nell’Universo.
Non vedo come possa accadere una cosa del genere.
Niente, da nessuna parte, mai.
Tutto è correlato all’Universo e la parte dipende sempre dal tutto.
E Lei che ne pensa?
Che cosa, dove e quando può essere assolutamente libero nell’Universo.
Mi sembra che nell’Universo l’unica cosa che si possa considerare libera sia l’Universo stesso, nella sua interezza.
E nient’altro da nessuna parte e mai.
Tutto il resto è correlato e interagisce con sé stesso incessantemente.
Pe quale motivo così tante persone lottato con incredibile tenacia per una Libertà, che non esiste?
Lei che ne pensa?
Perché sorgono rivoluzioni, in cui gli uomini si uccidono a vicenda per la libertà con efferata violenza?
Perché sorgono conflitti di guerra, in cui gli uomini continuano a uccidere altri uomini per la libertà?
Certamente anche Lei desidera la libertà e sarebbe pronto a lottare per essa!
Ma Lei ha avuto modo di pensare di quale libertà sia alla ricerca?
La libertà da cosa?
La libertà di fare cosa?
Lei ha mai messo a confronto due strade per il raggiungimento della libertà rigorosamente differenti?
La prima tra queste è quella politica, economica.
Lui dice che l’uomo può ottenere la libertà solo nel caso in cui vi siano delle buone leggi e tanti soldi.
Lei ritiene che l’uomo possa ottenere la libertà solo con delle buone leggi e tanti soldi?
Lui dice che grazie a questa libertà ha il diritto di lottare ed è perfino tenuto a farlo per tutta la vita!
E cosa accadrebbe se fosse necessario che l’uomo avesse il diritto e perfino l’obbligo di uccidere altre persone.
Lei ritiene che l’uomo abbia il diritto e che sia perfino obbligato ad uccidere altre persone per la libertà?
La seconda strada verso la libertà è la strada verso la conoscenza di sé stessi, la ricerca del senso della vita, la strada verso il raggiungimento della saggezza.
Lui dice che ciò che da la libertà all’uomo è la sua capacità di essere sincero con sé stesso.
Che ciò che da la libertà all’uomo è un’alta qualità del sapere che si ha di sé e del mondo, la capacità di guardare la sostanza dei fenomeni e degli avvenimenti, di comprendere sé stesso e gli altri.
Essere sincero con sé stesso da libertà all’uomo?
Un’alta qualità della conoscenza di sé stessi e del mondo da libertà all’uomo?
La capacità di guardare la sostanza dei fenomeni e degli avvenimenti, di comprendere se stesso e gli altri danno libertà all’uomo?
Non Le sembra che la seconda strada verso la libertà sia stata stranamente del tutto dimenticata?
Non La sorprende che non ci sia ormai nessuno che la tenga in considerazione.
Nel frattempo, non sono forse la conoscenza di sé stessi, la ricerca del senso della vita, l’inclinazione alla saggezza che possono dare all’uomo la vera libertà?
Che ne pensa Lei a tal proposito?
Perché proprio questa strada, che non richiede alcuna vittima, che non obbliga l’uomo a lottare con altri uomini, uccidere i propri simili e sacrificare la propria vita, ha finito per essere del tutto dimenticata?
Per me è molto strano.
Io non credo che alcune leggi possano rendere libere le persone che non conoscono sé stesse, che non desiderano cercare il senso della propria esistenza.
E Lei come la pensa?
Le leggi possono rendere liberi gli uomini che non conoscono sé stessi, che non desiderano cercare il senso della propria esistenza?
Non ho mai incontrato nella mia vita alcuna legge che abbia reso saggio uno stupido.
Non ho sentito di nessun partito politico che sia riuscito in quest’impresa.
Ed io non ho incontrato nessun uomo a cui le leggi abbiano impedito di praticare la conoscenza di sé stesso.
A cui le leggi abbiano impedito di liberarsi dalla schiavitù dei propri vizi, liberarsi dall’avidità e dalla vanità, dalla stupidità e dall’ autoinganno.
Qual è la Sua personale strada verso la propria libertà?
La ricerca nelle leggi e nel denaro?
O cerca la Sua libertà nei Suoi pensieri e nei Suoi sentimenti, nelle Sue osservazioni e nelle Sue riflessioni?
Riflessioni su chi è Lei, quali sono le Sue capacità e possibilità, qual è il senso della sua esistenza e della predestinazione della Sua natura?
Lei ricerca la Sua libertà nelle leggi e nel denaro?
O nelle Sue osservazioni e riflessioni?
Riflessioni su quale delle Sue qualità Le rechi vantaggio e sia conforme alla predestinazione della Sua natura, e su cosa Le imponga, o Le impedisca, di rifiutare il meglio a favore del peggio.
Lei ricerca la libertà dall’avidità o ritiene che l’avidità La aiuti a guadagnare molti soldi e a diventare libero?
Ha mai visto un uomo diventare libero restando avido o, per essere più precisi restando schiavo della propria avidità?
Lei cerca la liberà dalla vanità o ritiene che la vanità La aiuti a trovare il potere e a diventare libero?
Ha mai visto un uomo diventare libero restando schiavo della propria vanità?
Non Le pare che valga la pena riflettere su dove sia meglio cercare la propria libertà e quella dei propri cari?
Per non essere ingannati, non diventare fanatici schiavi delle proprie debolezze, non essere uccisi in battaglia, il cui scopo è da sempre una menzogna.
La conoscenza di sé, l’aspirazione alla saggezza, alla comprensione di sé stessi, del mondo, degli altri, l’aspirazione alla comprensione del senso della propria esistenza e alla presa di coscienza della migliore predestinazione della propria natura: questa strada verso la libertà merita di diventare oggetto della Sua attenzione.
Se ne ricorda?
In questa strada verso la vera libertà non c’è niente che Le sia d’ostacolo.
Né il potere.
Né le leggi.
Né la ricchezza né la mancanza di denaro.
In questa strada Lei può raggiungere la vetta di quella libertà accessibile all’uomo.
Lei può imparare ad essere sé stesso, apprezzare e fungere da sostegno del Suo lato migliore, evolvendosi e liberandosi del suo lato peggiore.
Lei può trovare la capacità di amare per davvero, essere sincero con sé stesso e con gli altri, provare entusiasmo per la comprensione del senso della propria vita e il senso di tutto quello che accade intorno a Lei.
Lei può provare le più alte forme di felicità e beatitudine, senza dover far soffrire nessuno, senza uccidere altri uomini, senza sacrificarsi.
E per fare ciò è necessaria un’unica cosa: cercare la libertà là, dove è possibile trovarla.
Nel proprio petto, nel proprio cuore, nella propria mente, nella propria anima!
Questa ricerca Le porta ciò per cui avesse un senso la nostra esistenza su questa terra.
E’ pronto a cercare la libertà là dove la può trovare?
Nel proprio petto, nel proprio cuore, nella propria mente, nella propria anima!
Cerchi la libertà là dove la può trovare!
Senza la libertà interiore non è possibile raggiungere la felicità.
La felicità è là, dov’ è la saggezza, la CONOSCENZA DI SE?!
Dov’è la comprensione dell’essenza e del senso della vita!

Афоризм данного мгновения!